Espandi menu

Oasis

Regia di Chang-dong Lee vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bradipo68

bradipo68

Iscritto dal 1 settembre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 260
  • Post 30
  • Recensioni 4749
  • Playlist 174
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Oasis

di bradipo68
10 stelle

C'è uno strano tipo,vestito con una camicia estiva a fiori mentre tutti gli altri sono infagottati in abiti invernali,che scrocca sigarette e un pò di cibo gratis.Lo conosciamo: è Jong Du che è appena uscito di prigione(quando vi è entrato era estate) e cerca di tornare dalla sua famiglia.Che,con i crampi lo accoglie di nuovo e cerca di reinserirlo nuovamente nella società.Del resto è un debole,con un cervello magari meno pronto di altri che ha pagato la colpa per aver ucciso un uomo guidando in stato d'ebbrezza.Va a trovare la figlia dell'uomo che ha ucciso.Lei è Gong Ju costretta alla quasi totale immobiilità e all'impossibilità quasi completa di comunicare da un ictus che le ha procurato una paralisi spastica che peggiora quando si emoziona.Lei vive da sola in un appartamento spoglio della periferia mentre suo fratello vive nella bella casa assegnata a lei dal Comune.Ogni tanto una vicina si preoccupa di lei ,del cibo da portarle.Il fratello fa rimarcare a Gong Ju che paga una bella cifra,ben 200 mila wan al mese per tenerla lì,da sola.Ironia macabra.Jong Du e Gong Ju si conoscono loro malgrado e siccome a lui le rotelle non girano tutte nel verso giusto cerca di violentarla in un raptus.Una sequenza quasi insostenibile,di violenza psicologica raramente vista.Eppure dopo questo raptus ingiustificabile qualcosa sboccia tra i due:lei finalmente è stata  trattata come una persona "normale",ha trovato qualcuno che comunica con lei,che si affeziona a lei,che la porta fuori facendola evadere da quei quattro muri asfissianti di cartone,addirittura a una festa di compleanno o a mangiare fuori nonostante le difficoltà di far accettare la disabile sia in un ristorante che alla festa.Una relazione tenera fatta di giochi(l'Oasi  del titolo è un arazzo che lei tiene attaccato alla parete e che la notte è reso pauroso dalle ombre minacciose dei rami dell'albero che ha di fronte alla finestra,lui cerca di distoglierla con dolcezza e con giochi innocenti),di comunicazione(che manca a tutti e due costretti a vivere in un mondo che non ha bisogno delle loro parole visto che non contano nulla),di piccoli divertimenti,di conoscenza reciproca(sapere quale è la stagione preferita dell'altro o il suo cibo preferito) e di sogni perchè a volte Gong Ju può anche alzarsi da quella maledetta sedia a rotelle ed essere una giovane ragazza come le altre(la sequenza dell'autobus una delle più sorprendenti di tutto il film).Ma la felicità è destinata a durare solo un attimo,mentre il loro amore diventa anche fisico nel totale rispetto reciproco lui viene arrestato per tentata violenza e lei non reisce a scagionarlo per la sua paralisi che è peggiorata per il nervosismo.Ma lui le farà un ultimo regalo prima di andare in prigione.Oasis è un film di anime pure condannate a vivere in un mondo che puro non è.Il loro candore scambiato per anormalità anche dai loro familiari,permette loro di conoscersi e portare avanti un amore nel segno dell'anticonformismo,un sentimento che non può essere capito dagli altri.La purezza d'animo di Jong Du e di Gong Ju è contrapposta alla presenza castrante della famiglia di lui che comunque cerca di metterlo su una strada per recuperarlo e all'avidità infida di quella di lei che la sfrutta solo per abitare in un posto migliore(portandosela in casa solo quando devono fare la scena di fronte agli assistenti sociali) e che cerca di monetizzare il presunto tentativo di violenza subito.Il tema della disabilità fisica e mentale è trattato senza moralismo ma con uno sguardo quasi entomologico.L'unico giudizio che Lee Chang Dong si sente di dare è quello verso i cosiddetti "normali" che sono capaci solo di sfruttare o rifiutare un "diverso" solo perchè magari può urtare la suscettibilità di qualcuno.Un je accuse perentorio verso la massificazione e il tentativo di pulizia "genetica" di un certo tipo di società in cui sopravvivi solo se sei capace di lottare per i tuoi diritti.Jong Du e Gong Ju purtroppo non ne hanno la possibilità fisica e/o mentale.Commoventi i flash onirici in cui si anela a una normalità fatta di piccoli gesti quotidiani o di un semplice camminare fianco a fianco,tenerissimo il modo in cui lui cerca di convincerla che sulla sua parete non ci sono spiriti cattivi che vengono a prenderla di notte.La regia di Lee Chang Dong vola altissima in una storia d'amore tra disabili raccontata senza ipocrisie e moralismi ,diventa allo stesso tempo uno spietato spaccato sociale che evidenzia tutte le barriere che sono costretti a valicare coloro ritenuti diversamente abili.Oasis mette a nudo il pretestuoso complesso di superiorità che hanno i normali verso i disabili,un amore totale per quella vita che spesso noi "abili" disprezziamo,un tentativo di vivere una storia d'amore semplice e libera senza costrizioni esterne.Nel finale si sconfina anche nel melodramma ma ci si mantiene ben lontani dalla retorica che in queste storie è sempre dietro l'angolo.La storia d'amore tra Gong Ju e Jong Du(straordinariamente inerpretati da Moon So ri e da Sol Kyung.gu) è anche la narrazione di un anelito di normalità che si esplicità con quelle brevi sequenze oniriche in cui è netta la divaricazione tra realtà da disabili e sogno da normali.E'la storia di due persone che per incanto si amano anche in un mondo alternativo,un'oasi, dove diventano la Principessa e il Generale.Sperando di tornare il meno possibile in questa valle di lacrime...

Su Chang-dong Lee

regia di straordinario impatto visivo e psicologico

Su Sol Kyung-gu

sensazionale

Su Moon So-ri

fa rimanere a bocca aperta

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati