Espandi menu

    A Venezia... un dicembre rosso shocking

    Trama

    Dopo la morte della figlioletta, il restauratore John Baxter e la moglie Laura sentono il bisogno di cambiare aria e si trasferiscono a Venezia: qui una veggente cieca entra in contatto con lo spirito della figlia e avverte la coppia con presagi di futuri fatti di sangue... destinati a verificarsi.

    Commento

    Thriller drammatico per un Roeg ispirato, che muove gli attori con una certa maestria e ricostruisce le atmosfere cupe e sensuali di una Venezia voluttuosa. La costruzione - tra flashback, sogni e premonizioni - è intricata, ma ricca di echi anche sottili. Da un romanzo di Daphne du Maurier, con la prima colonna sonora firmata da Pino Donaggio.

    Recensioni

    La recensione più votata è positiva

    cheftony di cheftony
    8 stelle

    Il restauratore John Baxter (Donald Sutherland) si rituffa nel lavoro a Venezia dopo aver patito la morte della figlioletta Christine, dalla quale la moglie Laura (Julie Christie) non è mai riuscita a riprendersi del tutto. Mentre l'altro figlio della coppia, Johnny, resta a Londra, i due coniugi incontrano per caso in un ristorante della laguna veneziana due sorelle, di cui una cieca e... leggi tutto

    25 recensioni positive

    Recensioni

    La recensione più votata delle sufficienti

    fox1969 di fox1969
    6 stelle

    Mi trovo di fronte ad un film molto particolare che merita di essere guardato una seconda volta per esaminare tutte le varie componenti di una vicenda misteriosa...a tratti onirica e molto intricata. Da notare una buona fotografia ma soprattutto un ottimo montaggio, spesso alternato e ricco di flashback. la componente thriller è sottile tuttavia sommata a quella drammatica rende il film... leggi tutto

    2 recensioni sufficienti

    Recensioni

    Il meglio del 2013

    2013

    Disponibile dal 3 dicembre 2013 in Dvd a 12,34€

    Acquista

    Recensione

    maso di maso
    10 stelle

    Un classico della cinematografia anni settanta, del genere thriller sovrannaturale ed ovviamente della filmografia del funambolico Nicholas Roeg in forma strepitosa e grondante genialità ad ogni inquadratura, non a caso "Don't look now" è il suo terzo film e si staglia al centro di un diadema di realizzazioni stilisticamente magistrali ai cui estremi si collocano "Performance" e "Bad...

    leggi tutto

    Il meglio del 2012

    2012

    Il meglio del 2011

    2011

    Recensione

    cheftony di cheftony
    8 stelle

    Il restauratore John Baxter (Donald Sutherland) si rituffa nel lavoro a Venezia dopo aver patito la morte della figlioletta Christine, dalla quale la moglie Laura (Julie Christie) non è mai riuscita a riprendersi del tutto. Mentre l'altro figlio della coppia, Johnny, resta a Londra, i due coniugi incontrano per caso in un ristorante della laguna veneziana due sorelle, di cui una cieca e...

    leggi tutto

    Il meglio del 2010

    2010

    Venezia e il cinema

    millertropico di millertropico

    Nè terra nè acqua, ma confine incerto che appartiene più al mare che tenta di riappropriarsene interamente e alla fine probabilmente ce la farà vista l'incuria degli uomini che dovrebbero...

    leggi tutto

    Il meglio del 2009

    2009

    Recensione

    hallorann di hallorann
    8 stelle

    L’ex direttore della fotografia Nicolas Roeg, passato alla regia nel 1970, tre anni dopo diresse un thriller ambientato a Venezia e tratto da un romanzo di Daphne Du Maurier. Il titolo inglese è DON’T LOOK NOW tradotto nel più “effettistico” e di maggior impatto emotivo per gli spettatori del tempo, A VENEZIA…UN DICEMBRE ROSSO SHOCKING. Il rosso...

    leggi tutto

    Tensione e atmosfera

    marlucche di marlucche

    Ieri sono andata a vedere "Lasciami entrare" bel film svedese di cui avevo letto recensioni da allucinazione collettiva... tensione allo spasmo.... somiglianza con the others (ma dove?????)... un horror da non...

    leggi tutto

    Il meglio del 2008

    2008

    Il meglio del 2007

    2007

    Recensione

    rebis di rebis
    8 stelle

    Venezia è un utero ricolmo di alghe; l'acqua una placenta, e sul fondo un pullulare di mosche. Roeg lavora di montaggio per restituirci la tessitura dell'incubo, la sensorialità cupa e attonita della precognizione; nel suo linguaggio analogico ogni gesto ne determina un altro, necessario; la narrazione diviene scaturigine di cospirazioni e nessi fatali. Dilacerato, e poi...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 1 utenti

    Dimenticare Venezia

    Dying Theatre di Dying Theatre

    Qualcuno FERMI marzullo. Ma fermatelo sul serio. Ne va della pace duodenale d'un intero paese. Mi chiedo come faccia costui a riuscire nella non poco ardua impresa di invitare alla propria trasmissione unicamente...

    leggi tutto
    Playlist

    Il meglio del 2005

    2005

    PERCHE' L'ETRUSCO NON UCCIDE PIU'?

    CERAUNAVOLTA di CERAUNAVOLTA

    Perche' non si fanno piu' film di genere in Italia? E poi erano davvero belli i film di genere di una volta o e' solo nostalgia di un cinema che non c'e' piu? Io credo che i film dei vari Bava,Fulci,Margheriti,di Leo...

    leggi tutto
    Playlist

    Il meglio del 2004

    2004

    Recensione

    scapigliato di scapigliato
    8 stelle

    Dario Argento avrà forse visto questo film prima di dirigere il suo capolavoro "Profondo Rosso"? Nel film di Roeg siamo nei dintorni del fatto inspiegabile, e non di omicidi seriali, e vi troviamo un'attrazione (non sessuale) per la morte, e una sessualità (non seducente ma animalesca) delle calli e delle stanze veneziane. Fin dal titolo italiano capiamo come l'elemento "rosso" sia...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 2 utenti

    Il meglio del 2003

    2003

    Il meglio del 2002

    2002
    A Venezia... un dicembre rosso shocking valutazione media: 7.8 29 recensioni del pubblico.

    Le nostre firme

    Scopri chi sono le firme

    Sono persone come te:
    appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

    Scopri chi sono le firme

    Come si diventa una firma

    Le firme sono scelte tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

    Scopri come contribuire

    Posso diventare una firma?

    Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

    Registrati e inizia subito