Il pianista

  • The Pianist

  • Francia/Gran Bretagna
  • Genere: Drammatico
  • durata 148'

Regia di Roman Polanski

Con Adrien Brody, Thomas Kretschmann, Emilia Fox, Ed Stoppard Vedi cast completo

altre VISIONI

Trama

Nel corso della Seconda guerra mondiale, Wladyslaw Szpilman - celebre pianista ebreo polacco - riesce a sfuggire alla deportazione. Si ritrova così nel ghetto di Varsavia, all'interno del quale condivide le sofferenze e le eroiche lotte degli abitanti. Un ufficiale nazista amante della sua musica decide di aiutarlo e gli permette di continuare a vivere...

Note

La Storia esibisce il suo volto peggiore nella prima parte, e Polanski ne riprende il crescendo di incredulità, incertezza, collaborazionismo, disperazione; il suo occhio coglie, spesso a distanza, attimi di orrore (solo a uno si avvicina davvero: il bambino infilato nel buco del muro che separa il ghetto dalla città) e figurine surreali di un'umanità che nonostante tutto vuole sopravvivere. Solo raramente parte un movimento di macchina di ampio respiro, a restituirci la dimensione - tremenda - dell'evento (il ponte sopra la strada che attraversa il ghetto, le valigie degli ebrei abbandonate nella strada, il dolly che accompagna Wladyslaw oltre il muro e ci mostra Varsavia distrutta). L'incubo, sempre più solitario e orrifico, comincia nel momento in cui il protagonista chiude dietro di sé la botola della pedana del caffè. Là comincia il viaggio di un nuovo inquilino del terzo piano: braccato, spiato, tradito, in un inferno personale, dove neppure lo scorrere del tempo conta più. La seconda parte del film è bellissima e sconvolgente; ma la prima serve a farci arrivare sin là con la consapevolezza che tutto questo è accaduto davvero.

Commenti (36) vedi tutti

  • Roman Polanski racconta gli orrori della Shoah in un toccante dramma storico dai toni sommessi.

    leggi la recensione completa di IlGranCinematografo
  • Polanski ha vissuto in prima persona l'Olocausto; forse è anche per questo che 'Il Pianista' è un film così forte, così coinvolgente, così perfetto nel rappresentare l'orrore che l'umanità può generare, ma anche la sua capacità di riscatto. Ricostruzione storica impeccabile. Vederlo è un dovere morale a cui tutti prima o poi dovrebbero ottemperare.

    commento di kaosentus
  • L'unica cosa che mi viene di scrivere riguardo a questo film è : capolavoro! E ho detto tutto…

    commento di Talasso
  • Eccellente scenografia … ma tanta, tanta, tanta NOIA.Su un tema così profondo c'è molto meglio!

    commento di GARIBALDI1975
  • Film bellissimo! Premi Oscar meritatissimi.

    commento di Blue Velvete
  • Uno dei film più belli che trattano il tema dell'olocausto. Crudo, diretto ed affascinante.

    commento di Utente rimosso (Luke Vacant)
  • Bello, però purtroppo è triste

    commento di ferni
  • Voto 8+ RIVELATORE Chi non si commuove durante la sequenza del piano (Caravaggesca nelle luci) ha dei seri problemi si sterilità emozionale.

    commento di luca826
  • capolavoro

    commento di delfinodelfino
  • bellissimo film…per non dimenticare..!!..nn c'è il classico eroe che uccide e distrugge tutti con il classico esito scontato…qui ci sono solo persone normali che voglio sopravvivere.Grande prova di Adrien Brody.

    commento di Ramses72
  • Un gran bel film che fa capire a chi non l'ha vissuta la storia del passato recente.

    commento di steveun
  • Toccante. Molto bella quest'opera che evidenzia il contrasto fra la bellezza e la brutalità umana. Voto 8.

    commento di Max76
  • un colossal 9

    commento di danandre67
  • commento di Dalton
  • Bellissimo, ti entra dentro il cuore.

    commento di mileena
  • GRAZIE ROMAN

    commento di orlandorimbaud
  • capolavoro ,brody giustamente premiato con l'oscar!!

    commento di pol
  • UN VERO CAPOLAVORO DEL CINEMA MONDIALE. 11 e lode

    commento di baiule
  • Le vicende della persecuzione degli ebrei a Varsavia raccontate veramente in modo magistrale da Polanski. Grande ricostruzione storica e grande l'interpretazione di Adrien Brody. Un film da proiettare nelle scuole.

    commento di jeffwine
  • Il solito grande Roman Polanski, ha voluto nuovamente firmare un altrettanto grande film. Il film narra le terribili esperienze di un musicista, durante l'occupazione nazista della Polonia.

    commento di Voltaire
  • PER NULLA ECCESSIVO…VA COMUNQUE GURDATO DOPO UN ACCURATA PREPARAZIONE MENTALE!UN FILM FORTE E COMMOVENTE..UN CAPOLAVORO FIRMATO ROMAN POLANSKI.

    commento di columbiatristar
  • Uno dei più bei film sull'olocausto. Affascinante.

    commento di Utente rimosso (Titanic900)
  • grandissimo film

    commento di federicomari
  • Un film ben struttruato: una prima parte che descrive le angosce e la PAURA di un intero popolo ed una seconda più intima e raccolta , silenziosa e che segue i movimenti, i gesti, gli occhi del protagonista. Grande regia di POlanski

    commento di merle
  • VOTO : 7,5 Film di ottima fattura di una bellezza rara perchè sentito diretto sottovoce con estrema sofferenza. Un ritratto particolare e riuscito di una delle più grandi persecuzioni della storia dell'umanità.

    commento di supadany
  • non saprei proprio quale aggettivo usare,che non sia gia' stato usato..semplicemente, meraviglioso, struggente, coinvolgente,sublime..ma quello che piu' fa riflettere e' questa storia come tante altre, reale, esistita,vera purtroppo.

    commento di Letizia
  • Superlativo, forse uno dei film che mi è piaciuto di più in assoluto. Ho subito acquistato il dvd e penso che ogni tanto lo riguarderò.

    commento di bobby
  • Film da vedere e rivedere, crudo al punto giusto, narra piu' la violenza psicologica di quella fisica. Agghiacciante la scena del bimbo bloccato mentre attraversava il muro… 8

    commento di orsOrazio
  • Ha il grandissimo merito di far vedere la sequenza dei fatti, di far intuire l'angoscia degli ebrei costretti a sopprusi e umiliazioni sempre più forti di giorno in giorno. Mostra i lati più crudeli della storia, compreso quello squallido dei Kapo.

    commento di cris1970
  • questo film è sacrosanto, ma non si possono aggiungere elementi nuovi in un epoca in cui si è visto il flagello del male devastare il mondo…a tratti è noioso e(per forza di cose) già visto

    commento di Dr.Lynch
  • toccante 2002

    commento di gisiusulisiasa
  • il film per me è molto toccante e credo molto vicino alla realtà,anche se non l'ho vissuta.Molto significante perchè ci fa scprire cose che adesso non ci sono più nel mio paese,come per esempio la povertà.

    commento di lolla
  • Capolavoro sull'olocausto. Crudo e sincero.

    commento di freccia
  • Straordinario.

    commento di nicolou
  • fieramente illuminante!elegantemente essenziale!noiosamente affascinante!

    commento di brando
  • Capolavoro. Silenzio imbecilli, fate silenzio. SILENZIO!!! L'arte salva l'uomo dalle brutture, l'arte eleva l'uomo.

    commento di bickle
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Recensioni

La recensione più votata è positiva

steno79 di steno79
9 stelle

Forse non è un film "perfetto" "Il pianista" di Roman Polanski, perché su una durata di oltre due ore non mancano alcune pagine un po' opache, ma il suo effetto cumulativo è sconvolgente, di grande potenza emotiva, tanto da farne uno dei migliori film del regista e una delle testimonianze più acute del difficile argomento della Shoah sul grande schermo. Con la... leggi tutto

95 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

michel di michel
6 stelle

La famiglia di Polanski, come quella del protagonista, è stata deportata in un campo di concentramento, e lui stesso, bambino, ha vissuto l'orrore del ghetto di Cracovia. A giudicare dagli esiti di questo film, che racconta l'odissea di un pianista sopravvissuto al ghetto di Varsavia e alla distruzione della città da parte dell'esercito tedesco, non si direbbe. Anche se il... leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

lamettrie di lamettrie
2 stelle

Un obbrobrio. Uno dei rari casi in cui mi trovo in disaccordo con la quasi totalità dei pareri. Il protagonista è un inetto, che però viene incensato, a dispetto di una serie trattazione decadente del tema (come quella cui però il regista si rifà). Un pusillanime che cerca scorciatoie tra le meno dignitose, rispetto a quelle interpretate da chi gli sta intorno. Chi esalta il valore... leggi tutto

5 recensioni negative

Trasmesso il 20 gennaio 2017 su Rsi La2
Il meglio del 2016
2016

Recensione

steno79 di steno79
9 stelle

Forse non è un film "perfetto" "Il pianista" di Roman Polanski, perché su una durata di oltre due ore non mancano alcune pagine un po' opache, ma il suo effetto cumulativo è sconvolgente, di grande potenza emotiva, tanto da farne uno dei migliori film del regista e una delle testimonianze più acute del difficile argomento della Shoah sul grande schermo. Con la...

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015

Recensione

michel di michel
6 stelle

La famiglia di Polanski, come quella del protagonista, è stata deportata in un campo di concentramento, e lui stesso, bambino, ha vissuto l'orrore del ghetto di Cracovia. A giudicare dagli esiti di questo film, che racconta l'odissea di un pianista sopravvissuto al ghetto di Varsavia e alla distruzione della città da parte dell'esercito tedesco, non si direbbe. Anche se il...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2014
2014
Il meglio del 2013
2013

Recensione

GIMON 82 di GIMON 82
10 stelle

"Chi è nato con un talento, e per esplicare un talento,ritrova in esso la sua piu' bella esistenza" Johan Wolfgang Goethe. Nella parabola esistenziale di Wladyslaw Szpilman la frase di Goethe c'entra tutto. Anche di mezzo all'orrore piu' nero, il talento lo porta a sopravvivere,travalicandone i confini e le differenze razziali imposte da un totalitarismo bruto. E' Roman Polanski che si...

leggi tutto
Disponibile dal 23 gennaio 2013 in Dvd a 6,99€
Acquista
Il meglio del 2012
2012

Recensione

arkin di arkin
10 stelle

L'orrore della guerra e della persecuzione degli ebrei narrato attraverso gli occhi del giovane pianista Wladyslav Szpilman, dal cui libro è tratto il film, è un gioiello di perfezione dei tempi narrativi, immagini, parole e musica. La sospensione traumatica che si legge nelle pagine dell'autobiografia(davvero consigliata, soprattutto ai più giovani) è resa in maniera fedele ed esemplare...

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Il meglio del 2011
2011

Recensione

giorgiobarbarotta di giorgiobarbarotta
10 stelle

Il bambino incastrato nel muro, massacrato di botte. Il caricatore scarico sostituito con estenuante lentezza prima dell'ennesimo colpo fatale. I corpi ammassati e schiacciati nei vagoni della morte. Polanski infligge malrovesci filmici con sadica e funzionale consapevolezza. Ma forse ancor più delinea con maestria il cancro del sistematico sterminio del popolo ebraico illustrandoci in un...

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Il meglio del 2010
2010

Recensione

Daskabinett di Daskabinett
8 stelle

Questo film ha l’incedere dell’incubo e il tocco della morte. La ricostruzione non concede nulla allo spettacolo, è una narrazione lucida e senza retorica, senza violini e senza bambine con il cappotto rosso a far da contrasto con il bianco e nero.. Il sole brilla sui marciapiedi dove stanno morti i bambini.   Adrien Brody è il topo rappresentato da Art...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2009
2009

Recensione

bradipo68 di bradipo68
10 stelle

La Shoah vista da dentro il ghetto di Varsavia.Credo che Polanski sia stato messo a dura prova quando ha girato questo film,lui che ha vissuto un esperienza parallela a quella di Szpilman,nel ghetto di Cracovia,lui che ha vissuto da ragazzo selvaggio,tra le macerie,fino all'arrivo dei sovietici.Eppure riesce a mantenere la giusta distanza da una materia narrativa che si prestava terribilmente...

leggi tutto

Visioni di Shoah

bradipo68 di bradipo68

Qualche film e una produzione televisiva d'annata per ricordare una delle più grandi tragedie mai accadute,a complemento della bellissima playlist di tiresia e delle molte altre che hanno brillantemente trattato...

leggi tutto
Il meglio del 2008
2008

Messaggio ecumenico

Dalton di Dalton

Per motivazioni acquisite da una fetta del mio albero genealogico, di questi tempi sono portato a festeggiare il Rosh haShana: un'evenienza alla quale sono abituato da innumerevoli anni e, malgrado i miei percorsi...

leggi tutto

Recensione

barabbovich di barabbovich
10 stelle

L'Olocausto, per definizione, viene declinato al plurale, da immane tragedia collettiva qual è stata. Rientrato dopo un'eternità nella "sua" Polonia e messo momentaneamente da parte il cinema di genere, Polanski opta per la trasposizione cinematografica di uno struggente romanzo autobiografico, quello del pianista Wladyslaw Szpilman (Brody), ebreo polacco col pallino di Chopin, le cui...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2007
2007
Il meglio del 2006
2006

Recensione

scandoniano di scandoniano
10 stelle

Roman Polanski nel suo (atteso ed inevitabile) affresco sul dramma del nazismo e dei suoi sterminii. Il regista, polacco ed ebreo come il protagonista, narra la storia di Wladislaw Szpilman, giovane pianista di Varsavia, costretto a vivere da fantasma per mesi e mesi prima che i russi liberassero la capitale polacca. Tratto da un romanzo autobiografico, il film è un evidente esempio di come...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Il meglio del 2005
2005
Il meglio del 2004
2004

STANNO TUTTI MALE

aboutaboy di aboutaboy

INGLESE ED INTERNET DALLA PRIMA ELEMENTARE Silvio Berlusconi e tutti i gran coglionazzi che dandogli retta hanno creato il Mondo delle scimmie. UHUUHUHUHUHU non mi sento umano mi sento disumano una...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2003
2003

Recensione

superficie 213 di superficie 213
8 stelle

INCREDIBILE ENNESIMO CAPOLAVORO DI UN POLANSKI CHE NON SMETTE DI STUPIRE.UN FILM CHE ENTRA DI DIRITTO NELLA STORIA DEL CINEMA.LA PRIMA PARTE E' TALMENTE BELLA CHE OGNI INQUADRATURA METTE I BRIVIDI.NESSUNA SBAVATURA NE' DI SCENEGGIATURA NE' DI MESSA IN SCENA.PERFETTA RICOSTRUZIONE DI AVVENIMENTI REALI E TRAGICI CHE SCONFINANO NELLA BRUTALITA' E NELLA MALVAGITA' DI UNA STORIA CHE HA FATTO...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2002
2002

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
8 stelle

Non dev’essere facile per un ebreo polacco che da bambino ha attraversato le persecuzioni naziste, il ghetto di Cracovia, i bombardamenti, le deportazioni di massa, la perdita di familiari e amici, e la paura, la solitudine, il randagismo, affrontare con lucidità una storia di Olocausto. Forse è per questo che Roman Polanski rifiutò l’offerta di Spielberg di dirigere “Schindler’s...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Uscito nelle sale italiane il 21 ottobre 2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito