Trama

California, 1949: il barbiere Ed Crane, che sospetta l'infedeltà della moglie Doris, incontra un commesso viaggiatore che gli propone di mettere su una catena di lavaggio a secco. Ma per entrare nell'affare servono molti soldi, e Ed decide di ricattare l'amante di Doris...

Note

I Coen modellano narrativamente e visivamente la vicenda sui classici del noir (dai romanzi di James M. Cain - alle cui suggestioni i Coen si sono esplicitamente ispirati - ai film di Fritz Lang e di Robert Siodmak), ma più che agli snodi del plot sono interessati ai temi dell'identità e dell'essere - o meglio, del "non essere" - nel mondo. Atmosfere inquiete, tagli di luce che forano il buio e il grigio dilaganti. La cadenza inevitabile del destino è sottolineata (come nella _Fiamma del peccato_ di Wilder) dalla voce narrante del protagonista: quieta, smorta, rassegnata. In fondo, Ed Crane cercava solo "un qualche tipo di fuga, un qualche tipo di pace". Straordinario Thornton, invecchiato, dimesso, intristito. Un film "in levare", raffinatissimo e desolato.

Commenti (16) vedi tutti

  • Semplicemente MERAVIGLIOSO

    commento di Fiesta
  • Rimpiango solo di non essere.. nemmeno... un barbiere... riuscirò a vivere la vita?

    leggi la recensione completa di Brady
  • Film da non perdere che applica brillantemente tutti i precetti del genere noir a una storia dove non ci sono né gangsters né malavitosi, ma solo un insieme comune e corrente di persone innocue e tristi vittime del fato.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Un film introspettivo, che impiega molto ad avviarsi e non raggiunge mai un'andatura apprezzabile. Storia particolare e con alcuni dettagli grotteschi. Assopito.

    commento di bebabi34
  • lento,prolisso,noioso,pesante.coen ci ammorba cercando,vanamente, il lirismo e trovando solo l'artificioso.film falso e presuntuoso,a partire dal bianco e nero.attori monocordi e inespressivi.da dimenticare,altro che film d'autore!

    commento di hank
  • Inquietante e con la tensione che si taglia a fette mano a mano che il film scorre. Voto 7,5

    commento di jeffwine
  • 9

    commento di eucas70
  • Il capolavoro dei Coen.Per me.D'altronde basta vedere il mio nickname ;-)…

    commento di ed crane
  • Commovente da quanto è bello! Atmosfere, personaggi, la voce narrante, fattori legati dal moto perpetuo di Thornton: mettersi la sigaretta alla bocca ed aspirare…GRANDI I COEN

    commento di sonicyouth
  • Bel film…bravi gli attori, buoni soggetto e sceneggiatura.C'è molto fumo ma anche tanto arrosto!

    commento di massimoxy
  • Un bel film.

    commento di RageAgainstBerlusca
  • I film di Joel sembrano fatti con lo stampo. Tutti bei film ma che sembrano carenti di quella qualità che li renderebbe capolavori.

    commento di stankovic
  • capolavoro!

    commento di willow77
  • 8,5

    commento di incallito
  • veramente u bel noir,sottile, preciso da rivedere senz'altro.le atmosfere anni 40' ritornano prepotentemente nel cinema di oggi…e ben venga!

    commento di Dr.Lynch
  • DA VEDERE E RIVEDERE MILLE VOLTE.UN CAPOLAVORO!I COEN NON FINISCONO DI STUPIRE! *****

    commento di superficie 213
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Peppe Comune di Peppe Comune
9 stelle

Ed Crane (Billy Bob Thorton) fa il barbiere nel negozio di proprietà del cognato (Michael Badalucco), è un tipo taciturno e non ama troppo la compagnia di altre persone. Scopre che la moglie (Frances McDormand) ha una relazione col suo datore di lavoro (James Gandolfini), il ricco proprietario di un lussuoso negozio d'abbigliamento. Non ne fa una tragedia, anzi, questo fatto... leggi tutto

58 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

GARIBALDI1975 di GARIBALDI1975
6 stelle

Perchè fare un film in bianco e nero?? Prima di vedere questo film, me lo sono chiesto tante volte e mi dicevo "ma sono così belli la tecnologia e i colori"?? Perchè tornare indietro? Ho trovato la risposta. L'Uomo che non c'era è un vero film ... un lungometraggio vero ... di altri tempi, davvero non sembra e non vuole appartenere alla nostra frenetica era. Con una insospettabile... leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Trasmesso il 16 giugno 2017 su Iris
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Film filosofici

Gundawane di Gundawane

Il tema di questa playlist è la filosofia,o per meglio dire la filosofia all'interno del cinema. Platone diceva che per spiegare un concetto filosofico sono necessarie le immagini e il cinema si è...

leggi tutto
Playlist
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Il meglio del 2016
2016

Recensione

galaverna di galaverna
10 stelle

Un film indimenticabile, un vero e proprio affresco di un personaggio che è attraversato dalla vita come uno di quei giunchi sugli argini dei fiumi, a volte travolti dalla piena con rassegnata e stoica indifferenza per poi tornare diritti in attesa della piena successiva. Ottima la scelta del bianco e nero quasi a voler rimarcare l’assenza di colore esistenziale, una vita che non...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Il meglio del 2015
2015

Recensione

steno79 di steno79
9 stelle

Per molti dei migliori registi del cinema americano contemporaneo, la tentazione di tornare alle radici del genere Noir è stata fortissima, e anche i fratelli Coen vi hanno ceduto. "L'uomo che non c'era" è uno dei loro film più integralmente pessimisti, tanto da sfociare in una visione filosofica nichilista, ed è del tutto omogeneo con il resto della loro opera. Mi...

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014

Recensione

ed wood di ed wood
8 stelle

Considerata una delle opere più raffinate dei Coen, questo film costituisce effettivamente uno dei loro esiti più suggestivi. Forse potrebbe anche essere considerato il risultato più puro ed esemplare di quella corrente "post-noir" che ha attraversato il cinema USA degli ultimi 30 anni. Diversi registi hanno fatto i conti con l'eredità ingombrante ed affascinante...

leggi tutto
Recensione
Utile per 15 utenti
Disponibile dal 3 febbraio 2014 in Dvd a 9,99€
Acquista
Il meglio del 2013
2013

James Gandolfini

supadany di supadany

In realtà, visto che oggi avevo un pò di tempo libero a disposizione, avevo pensato di dedicare una playlist a Matthew McConaughey che ha avuto una trasformazione incredibile negli ultimi anni e che col trailer di...

leggi tutto

Recensione

GARIBALDI1975 di GARIBALDI1975
6 stelle

Perchè fare un film in bianco e nero?? Prima di vedere questo film, me lo sono chiesto tante volte e mi dicevo "ma sono così belli la tecnologia e i colori"?? Perchè tornare indietro? Ho trovato la risposta. L'Uomo che non c'era è un vero film ... un lungometraggio vero ... di altri tempi, davvero non sembra e non vuole appartenere alla nostra frenetica era. Con una insospettabile...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Il meglio del 2012
2012

Recensione

Lehava di Lehava
8 stelle

Un film ben fatto, niente da dire. Nel suo genere  arrischierei un "quasi perfetto". Eppure che non mi ha colpito al cuore. Il titolo come sempre è una chiave di lettura ed interpretazione: "L'uomo che non c'era" è Ed Crane, "inesistente" perchè quasi del tutto privo di emozioni e pensieri. Il suo essere coincide con il suo "fare". Egli è barbiere. Perchè quello è il suo lavoro....

leggi tutto

I miei magnifici 7 di sempre

canali80 di canali80

Sono semplicemente i film che più mi hanno colpito dalla mia infanzia a oggi, sono una piccola parte di me (o meglio, lo sono io di loro!) e anche se per alcuni non saranno certo dei capolavori, sono...

leggi tutto
Il meglio del 2011
2011

Recensione

LAMPUR di LAMPUR
8 stelle

Ed Crane fa il suo lavoro con scrupolo. E’ un barbiere metodico e taciturno. La crescita dei capelli lo affascina e lo turba. Più della sua vita che scorre monotona tra una moglie che lo tradisce ed il capoccia che lo sfrutta. Un proto a Serious man in fine bianconero. L'uomo che non c'era dei Coen centellina la sua vita aspirandosela come il fumo dell'immancabile sigarette tra...

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti

INTERIORS

Kurtisonic di Kurtisonic

Il tavolo è abbastanza largo per allungarci le gambe senza toccare nessuno degli altri quattro, è rotondo. " Legno duro" Wade si stira fino alla punta degli stivali"Cosa ne farei quando non sarà...

leggi tutto
Difesa di uno stile
fixer di fixer

Difesa di uno stile

Difesa ed illustrazione di uno stile A volte capita di rivedere un vecchio film  americano in bianco e nero degli anni ’40.  Le reti... segue

Post
Il meglio del 2010
2010

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
9 stelle

Ed Crane (Billy Bob Thorton) fa il barbiere nel negozio di proprietà del cognato (Michael Badalucco), è un tipo taciturno e non ama troppo la compagnia di altre persone. Scopre che la moglie (Frances McDormand) ha una relazione col suo datore di lavoro (James Gandolfini), il ricco proprietario di un lussuoso negozio d'abbigliamento. Non ne fa una tragedia, anzi, questo fatto...

leggi tutto
Il meglio del 2009
2009

Recensione

toni70 di toni70
10 stelle

Voto: 8,5 - I fratelli Coen sfornano con l'uomo che non c'era una delle loro migliori opere, forse la migliore. Un nichilismo imperante, tanto pressante da arrivare a negare pure se stessi, tema portante della loro cinematografia, viene qui rappresentato attraverso la voce di un taciturno e introvarso barbiere di provincia che cerca la fortuna attraverso la via più facile; decide per un...

leggi tutto
Il meglio del 2008
2008

Recensione

luisasalvi di luisasalvi
6 stelle

Come spesso (o sempre, per quel che ho visto) in Coen la storia gioca a rimpiattino con gli spettatori oltre che con i protagonisti. In una vita normalmente grigia e banale vive bene chi se ne contenta e inevitabilmente fallisce ogni tentativo di arraffare di più e di ingannare gli altri. Nei modi più assurdi. Qui (prendo nomi e luoghi da imdb.com e da allmovie.com) nel dopoguerra in una...

leggi tutto
Il meglio del 2007
2007

Recensione

rebis di rebis
8 stelle

L’opera al nero dei fratelli Cohen. Se qualsiasi, momentanea, strutturazione oggettiva della realtà è pavida poiché destinata a franare sotto l’occhio che l’osserva, se non posso impedirmi di mutare un dato allorché l’ho colto (Heisenberg), allora non esiste un luogo privilegiato all’osservazione, ne è possibile registrare il mondo: questo film, insomma, non esiste. Il noir dei...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2006
2006

My Scarlett

BobtheHeat di BobtheHeat

Di "queste" Scarlett, dolci e tenaci, tenere ed irriverenti, fragili e romantiche, spavalde e sensuali, in una parola...incantevoli...ecco...di questi personaggi... non intendo certo privarmi...mai e poi mai.

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2005
2005

SFUMATURE DI GRIGIO

BobtheHeat di BobtheHeat

Dai primi anni '70, sino al recente "Good night, and Good Luck", alcuni cineasti con l'aiuto di veri maestri di fotografia, hanno sapientemente e coraggiosamente recuperato l'uso del bianco e nero, riuscendo con...

leggi tutto
Il meglio del 2004
2004

Recensione

supadany di supadany
9 stelle

VOTO : 7,5 Incredibile pellicola in bianco nera fuori dal tempo sceneggiata e diretta con eleganza e sobrietà dai fratelli Coen che qui si dimostrano grandi anche in campi non del tutto a loro congeniali. Per raccontare una storia così triste l'uso del bianco e nero è una scelta che premia. L'america che fu ce la raccontano i registi più assurdi e stravaganti anche quando fanno un film...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2003
2003

Recensione

Aristo di Aristo
6 stelle

E' curioso che i Coen facciano dire da un loro personaggio il difetto principale del film: il maestro di musica quando stronca la ragazzina dice che la musica non è questione di dita ma deve partire dal cuore. Ebbene, "L'uomo che non c'era" esibisce dei virtuosismi stilistici pregevoli ma assolutamente freddi, è un film di testa ma non di cuore. Peccato. Joel Coen ha saputo far di meglio.

leggi tutto
Il meglio del 2002
2002

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
10 stelle

L’uomo che non c’era, che non c’è mai stato, affogato in una cittadina di provincia, incolore, faccia spenta, per sempre secondo nel negozio di barbiere dove lavora, è lo straordinario Billy Bob Thornton, invecchiato, dimesso, intristito dai fratelli Coen in vena di anni ’40. Non il passato affannoso ma comunque solare di “Fratello, dove sei?”: questi anni ’40 sono...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2001
2001
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito