Bulworth - Il senatore

Trama

Siamo alla soglia di un nuovo millennio, proclama pomposamente l'attacco dei discorsi elettorali del senatore Jay Bullworth che, alla vigilia delle primarie del 1996 in California, sta tenendo a freno i possibili rivali di Clinton. Jay è un tipico politico all'americana: generazione kennediana, ex bello, disinvolto come un divo nell'offrirsi al pubblico, alla televisione, ai giornalisti. Solo che stanchezza, superlavoro, insonnia e, sotto sotto, una vita che non gli piace per niente, fanno saltare l'equilibrio del senatore che, dopo aver sottoscritto un'assicurazione miliardaria a favore della figlia, paga un killer perché, nel corso della campagna elettorale lo uccida. E, finalmente libero, comincia a dire la verità a ritmo di rap.

Note

Il film risulta un po' sbalestrato, sovraeccitato, cucito insieme dal filo spezzettato del rap. Ma è anche un film che riesce a ritrovare quella vitalità inquieta e quell'ironia autolesionista che caratterizzavano gli esemplari imperfetti del cinema americano anni Settanta. Per uno come Beatty, che è stato McCabe, John Reed e il parrucchiere di "Shampoo", "Bullworth" sembra quasi un ritorno a casa.

Commenti (3) vedi tutti

  • film "politico"sparge idee "rivoluzionarie"tipico del super-liberal Warren Beatty.bello.

    commento di juil789
  • Grande film all'apparenza un po'bislacco ma in realtà dai contenuti molto profondi, con Warren Beatty che giganteggia. Voto 8

    commento di jeffwine
  • Finalmente un film politico divertente ma privo di qualunquismo.

    commento di Dalton
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

LorCio di LorCio
4 stelle

A tutt’oggi è l’ultimo film diretto da Warren Beatty, che come regista ha diretto solo altri tre film (ma che film!). Bulworth è il meno convincente del trittico e quello che più si lega al suo film d’esordio (Il paradiso può attendere) nell’affondare le mani nelle brutture del sogno americano. Influenzato dal clintonismo (oggi abbastanza... leggi tutto

1 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

supadany di supadany
6 stelle

VOTO : 6,5. Non mi ha entusiasmato, ma siamo comunque di fronte ad un prodotto originale ed animato da una verve che manca a molti altri film, soprattutto quando si entra nell'ambito politico e la correttezza sembra diventare costantemente un fattore dominante. Scritto piuttosto bene, ma nel contempo a tratti cade volutamente nell'assurdo, quasi un grido libero e fuori dal coro (sensazione che... leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

superficie 213 di superficie 213
8 stelle

BELLO ED INTERESSANTE.BEATTY ANALIZZA I PROBLEMI RAZZIALI DELL'AMERICA CON ONESTA' E SENZA TROPPI SOTTOINTESI.LA SCENEGGIATURA A VOLTE E'UN PO' FORZATA MA RENDE L'IDEA DI CIO' CHE IL REGISTA VUOLE TRASMETTERE:LIBERTA',ANTICAPITALISMO,ANTIRAZZISMO.MOLTI DISCORSI MARXISTI ALL'INTERNO DI UN FILM AMERICANO SONO RARI,ED IN QUESTO CASO PURE GIUSTIFICATI. PASSATO INGIUSTAMENTE INOSSERVATO. ***1/2 leggi tutto

5 recensioni positive

Il meglio del 2016
2016

Warren Beatty, divo totale

LorCio di LorCio

Nella leva attoriale della generazione nata poco prima della seconda guerra mondiale – quella, per intenderci, che ha il capofila ideale nel personaggio di James Dean in Gioventù bruciata (che in...

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015
Il meglio del 2011
2011

Recensione

LorCio di LorCio
4 stelle

A tutt’oggi è l’ultimo film diretto da Warren Beatty, che come regista ha diretto solo altri tre film (ma che film!). Bulworth è il meno convincente del trittico e quello che più si lega al suo film d’esordio (Il paradiso può attendere) nell’affondare le mani nelle brutture del sogno americano. Influenzato dal clintonismo (oggi abbastanza...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2003
2003

Recensione

superficie 213 di superficie 213
8 stelle

BELLO ED INTERESSANTE.BEATTY ANALIZZA I PROBLEMI RAZZIALI DELL'AMERICA CON ONESTA' E SENZA TROPPI SOTTOINTESI.LA SCENEGGIATURA A VOLTE E'UN PO' FORZATA MA RENDE L'IDEA DI CIO' CHE IL REGISTA VUOLE TRASMETTERE:LIBERTA',ANTICAPITALISMO,ANTIRAZZISMO.MOLTI DISCORSI MARXISTI ALL'INTERNO DI UN FILM AMERICANO SONO RARI,ED IN QUESTO CASO PURE GIUSTIFICATI. PASSATO INGIUSTAMENTE INOSSERVATO. ***1/2

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito