Paradise Road

Trama

La via per il paradiso è irta di difficoltà e sofferenze, e se ne accorge ben presto un nutrito gruppo di donne europee, australiane e cinesi, all'arrivo dei Giapponesi a Singapore nel 1942. Scagliate in un campo di prigionia giapponese a Sumatra, le donne riescono a vincere le differenze di cultura e ceto che le dividono attraverso l'impegno in una corale improvvisata.

Note

Il film racconta un episodio poco noto della Seconda Guerra Mondiale ed è costruito sulle testimonianze di una ventina di sopravvissute. Beresford rende solo in parte il cambiamento di prospettiva prodotto dall'incontro forzato tra donne così distanti, e che si perde nella versione doppiata in italiano. Ma la magia di quegli incontri sopravvive, sostenuta dalla musica di Dvorak e Chopin, che intenerisce giapponesi e spettatore.

Commenti (1) vedi tutti

  • Lo ritengo un buon film. Forse doveva puntare più sul patetico lacrimoso, però ognuno fa ciò che ritiene più consono. Vuoi gnocchi?

    commento di Totoro
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

jonas di jonas
6 stelle

Tecniche di sopravvivenza di un gruppo di donne occidentali in un campo di prigionia giapponese durante la guerra nel Pacifico: imparano a riconoscersi simili al di là delle differenze di classe (c’è la signora della buona borghesia, la missionaria, la dottoressa, la suora, tutte mescolate insieme), resistono alle angherie del terribile comandante e mettono su un coro per... leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

RINO di RINO
8 stelle

Un "Ponte sul fiume Kwai" al femminile, così si potrebbe definire "Paradise Road". Infatti, sono molte (forse troppe) le analogie con il capolavoro del 1957: la guerra, la prigionia, le ambientazioni... Qui, ciò che consente di dare un senso alla vita dei prigionieri non è la costruzione di un ponte ma la formazione di un coro. La musica ed il canto consentiranno alle prigioniere di... leggi tutto

2 recensioni positive

Il meglio del 2017
2017
Il meglio del 2011
2011

Recensione

jonas di jonas
6 stelle

Tecniche di sopravvivenza di un gruppo di donne occidentali in un campo di prigionia giapponese durante la guerra nel Pacifico: imparano a riconoscersi simili al di là delle differenze di classe (c’è la signora della buona borghesia, la missionaria, la dottoressa, la suora, tutte mescolate insieme), resistono alle angherie del terribile comandante e mettono su un coro per...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Il meglio del 2008
2008

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Una storia di eroismo al femminile, ma, una volta tanto, estranea ai soliti canoni di "spose, sorelle e mamme". Le donne vivono l'orrore della guerra in prima persona, nel contesto della prigionia, in cui la disumanità e lo squallore si manifestano in tutta la loro potenza distruttrice, malgrado la lontananza dal fragore dei combattimenti. La forza delle protagoniste sta nel coraggio,...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2003
2003

Recensione

RINO di RINO
8 stelle

Un "Ponte sul fiume Kwai" al femminile, così si potrebbe definire "Paradise Road". Infatti, sono molte (forse troppe) le analogie con il capolavoro del 1957: la guerra, la prigionia, le ambientazioni... Qui, ciò che consente di dare un senso alla vita dei prigionieri non è la costruzione di un ponte ma la formazione di un coro. La musica ed il canto consentiranno alle prigioniere di...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito