Trama

Al Cairo, settimane prima della rivoluzione del 2011, il detective della polizia Noredin lavora alla famigerata stazione di polizia di Kasr el-Nil quando gli viene assegnato di risolvere il caso legato all'assassino di una star della musica. Ben presto, si renderà conto che l'indagine riguarderà anche l'élite di potere vicinissima al Presidente.

Approfondimento

OMICIDIO AL CAIRO: PRIMA DELLA RIVOLUZIONE

Diretto e sceneggiato da Tarik Saleh, Omicidio al Cairo racconta di come in Egitto, settimane prima dello scoppio della rivoluzione del 2011, Noredin, un ufficiale di polizia appartenente al sistema corrotto del Cairo, si ritrovi a indagare sulla morte di una cantante Lalena avvenuta all'hotel Nile Hilton, di cui è testimone la giovane cameriera sudanese Salwa. Rendendosi conto di quanto l'omicidio sia connesso con l'élite dei potenti del Paese legati al presidente Hosni Mubarak (e per tale ragione definiti "Intoccabili"), Noredin dovrà decidere quale sia la strada giusta da seguire.

Con la direzione della fotografia di Pierre Aim, le scenografie di Roger Rosenberg, i costumi di Louize Nissen e le musiche di Krister LinderOmicidio al Cairo è un thriller politico ispirato a una storia vera: l'assassinio della famosa cantante libanese Suzanne Tamim, avvenuto nel 2008. Furono coinvolti nel delitto un uomo d'affari egiziano e un membro del parlamento. L'omicidio generò molto scalpore in Egitto non per il delitto in sé ma per i nomi di coloro che ne erano coinvolti, considerati molto vicini alla famiglia dell'allora presidente Mubarak. Spiega il regista: "Omicidio al Cairo è un film che ruota tutto intorno al Cairo, al suo passato, al suo futuro e alla gente che vi sta in mezzo. Tre giorni prima di iniziare le riprese, la sicurezza di Stato egiziana ci ha negato ogni tipo di permesso e la produzione è stata costretta a spostarsi a Casablanca. Mi sentivo devastato ma ho pensato a Federico Fellini e al suo Amarcord. Gli abitanti di Rimini giuravano di riconoscere strade, posti e persino case... ma il film era girato interamente a Cinecittà. Ciò mi ha spinto a credere che anche Casablanca potesse sembrare la capitale egiziana: per ricreare una città, occorre saperne cogliere in pieno l'anima.

Traendo ispirazione da una storia vera, ho preferito concentrarmi sul come accadono le cose. Il poliziotto Noredin è la nostra guida, una sorta di principe della città. Spetta a lui il compito di insegnarci l'arte di barcamenarsi con disinvoltura tra corrotti, codici sociali condivisi e persone appartenenti a classi sociali diverse. Spetta a lui a farci scoprire la bellezza del potere e la la bruttezza della verità.

La finzione del racconto ha costantemente corrispondenza nella realtà. A volte, ciò mi spaventa ma a essere onesti è stato anche il motivo per cui ho voluto realizzare il film".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Omicidio al Cairoè il regista Tarik Saleh. Nato a Stoccolma nel 1972, Saleh ha esordito nel 2001 con il documentario televisivo Sacrificio, in cui insieme al giornalista Erik Fandini andava alla ricerca della verità dietro la morte di Che Guevara. Nel 2005 ha realizzato il suo secondo documentario,... Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Corinzio di Corinzio
8 stelle

Nell'immediata vigilia della primavera araba del 2011, l'Egitto è un pozzo profondo di corruzione e malaffare dove lo stesso protagonista ci sguazza come un pesce nell'acqua. Un poliziotto corrotto che non è mosca bianca, bensì rappresenta la normalità di un comportamento comune anche ai suoi colleghi, superiori di grado e non. Al tempo stesso tuttavia è... leggi tutto

2 recensioni positive

Il meglio del 2017
2017

Recensione

Corinzio di Corinzio
8 stelle

Nell'immediata vigilia della primavera araba del 2011, l'Egitto è un pozzo profondo di corruzione e malaffare dove lo stesso protagonista ci sguazza come un pesce nell'acqua. Un poliziotto corrotto che non è mosca bianca, bensì rappresenta la normalità di un comportamento comune anche ai suoi colleghi, superiori di grado e non. Al tempo stesso tuttavia è...

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito