Trama

Hannah è costretta a fare fronte a una situazione che porta con sé accuse infamanti. Suo marito è stato arrestato e, rimasta sola, Hannah inizia a confrontarsi con se stessa. Mentre si ostina a negare una verità generalmente appurata, la sua realtà diventa sempre più inquietante, portandola ad alienarsi dal mondo che la circonda e a confrontarsi con il proprio senso di identità, la vita coniugale e la società.

Approfondimento

HANNAH: IL TORMENTO INTERIORE DI UNA DONNA

Diretto da Andrea Pallaoro e sceneggiato dallo stesso con Orlando Tirado, Hannah è l'intimo ritratto di una donna di una certa età alle prese con la perdita della propria identità in un momento particolare della sua esistenza contraddistinta da negazione della realtà. Rimasta da sola a combattere con le conseguenze della prigionia del marito (accusato di un crimine indicibile), Hannah inizia pian piano a sgretolarsi. Attraverso l'esplorazione del suo graduale controllo emotivo e psicologico, Hannah esplora il confine delicato tra l'identità del singolo, le relazioni umane e le pressioni sociali.

Con la direzione della fotografia di Chayse Irvin, le scenografie di Marianna Sciveres, i costumi di Jackye Fauconnier e le musiche di Michelino Bisceglia, Hannah viene così raccontato dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Venezia 2017: "Hannah esplora il tormento interiore di una donna intrappolata dalle proprie scelte di vita, paralizzata da insicurezze e dipendenze, dal suo stesso senso di lealtà e devozione. La disperazione di Hannah mi tocca profondamente, forse perché sono consapevole di quanto il mondo possa essere spietato nei suoi confronti, o forse perché in lei riconosco alcune parti di me stesso. Ciò che so per certo è che con questo film ho voluto sentirmi vicino a lei, tenerle la mano, incoraggiala, rassicurarla. Più di ogni altra cosa ho voluto che il mondo la vedesse, percepisse il suo dolore e assistesse al suo sforzo di ridefinirsi e riconoscersi, da sola, prima di scomparire".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Hannah è Andrea Pallaoro, regista di origine italiana che vive e lavora tra Los Angeles e New York. Nato a Trento nel 1982, Pallaoro ha conseguito un master in regia cinematografica al California Institute of the Arts e una laurea all'Hampshire College prima di debuttare alla regia con il cortometraggio... Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
7 stelle

VENEZIA 74 - CONCORSO - COPPA VOLPI PER LA MIGLIORE INTERPRETAZIONE FEMMINILE A CHARLOTTE RAMPLING 9 Hannah è una moglie, una madre ed una nonna: o almeno lo è stata. Una circostanza che non ci verrà mai chiarita, mandi estrema gravità, ha fatto di che l'anziano marito sia stato arrestato, riducendo la dinna in solitudine, tra sconcerto, incredulità,... leggi tutto

2 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

obyone di obyone
5 stelle

Uaawwn!!... scusate lo sbadiglio... Allora, il secondo film di Andrea Pallaoro... Uaawwnn! Scusate di nuovo... Non ce la faccio a scrivere di questo film. Potrei addormentarmi sulla tastiera. Forse perché ricordo la vagonata di sbadigli usciti dalla mia bocca in Sala Grande, alla divina presenza di Charlotte Rempling? All'inizio, vista la presenza dell'illustre ospite (per altro lontana... leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensione

obyone di obyone
5 stelle

Uaawwn!!... scusate lo sbadiglio... Allora, il secondo film di Andrea Pallaoro... Uaawwnn! Scusate di nuovo... Non ce la faccio a scrivere di questo film. Potrei addormentarmi sulla tastiera. Forse perché ricordo la vagonata di sbadigli usciti dalla mia bocca in Sala Grande, alla divina presenza di Charlotte Rempling? All'inizio, vista la presenza dell'illustre ospite (per altro lontana...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti

Recensione

nickoftime di nickoftime
5 stelle

Girato in lingua francese da un regista italiano che vive a Los Angeles "Hannah" è un film che vive sul paradosso costituito dall'internazionalità della propria confezione. Se, accanto al titolo del film, non ci fosse il nome del regista a rimarcarne con precisione la provenienza, l'opera di Andrea Pallaoro potrebbe essere scambiata senza alcun problema per un lungometraggio...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

VENEZIA 74 - CONCORSO - COPPA VOLPI PER LA MIGLIORE INTERPRETAZIONE FEMMINILE A CHARLOTTE RAMPLING 9 Hannah è una moglie, una madre ed una nonna: o almeno lo è stata. Una circostanza che non ci verrà mai chiarita, mandi estrema gravità, ha fatto di che l'anziano marito sia stato arrestato, riducendo la dinna in solitudine, tra sconcerto, incredulità,...

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
7 stelle

"Devo essere sola per capire me stessa e ciò che mi circonda". Questo lo dice Hannah mentre recita una parte, ma sta parlando per se stessa. Il film di Andrea Pallaoro infatti si basa del tutto sulla resa della percezione di Hannah, anziana signora francese rimasta sola in casa quando il marito, per circostanze solo sospettabili, viene arrestato. Impossibilitata a riallacciare...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
locandina
Foto
Andrea Pallaoro, Charlotte Rampling
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito