Espandi menu

Borg McEnroe

Regia di Janus Metz Pedersen vedi scheda film

Recensioni

L'autore

penelope68

penelope68

Iscritto dall'11 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 16
  • Post -
  • Recensioni 542
  • Playlist 40
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Borg McEnroe

di penelope68
7 stelle

Due personaggi che cambiarono il tennis e lo elevarono a sport di massa  e che fecero epoca , e dunque non facile da raccontare  . Altra epoca, altri stili, altra mentalità .Qui già dai titoli di coda si intuisce che l' occhio punterà sullo svedese e sulla sua personalità contraddittoria : debordante nella infanzia, pacato e gelido nella gioventù . Egli sarà addestrato per vincere e lo può fare solo in un modo: diventando una pentola a pressione, un atleta che in ogni colpo metterà la rabbia, la frustazione e la passione. Mascherando ogni emozione, e assumendo un portamento signorile e distaccato .

Non è lo stesso per l' americano John, il monello , estroverso e impetuoso che invece esplode spesso e volentieri. I due si incontreranno alla finale di Wimbledon che può valere il quinto titolo consecutivo per Borg e la prima vittoria per Mac Enroe. Sembra scontato dato che il biondo è già una leggenda, e invece John venderà cara la pelle .

Secondo tempo migliore del primo , eccezionale l' interprete di Borg,  ma su tutti regna Stellan Skarsgard un attore maiuscolo !

È un film più intimista che muscolare, più riflessivo che attivo e forse non è un male. È solo una scelta tra le tante .Diciamo che è celebrativo per Borg e che l' altro resta un comprimario,  mentre sarebbe stato bello assistere a  qualche duello ( non solo sulla terra verde) in più .

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati