Trama

1980. Lo svedese Björn Borg è uno dei più leggendari tennisti della storia dello sport. Grande icona, Borg ha uno dei suoi più grandi rivali nel giovane e talentuoso statunitense John McEnroe, con cui si contende la vittoria nel grande torneo internazionale di Wimbledon. Entrambi destinati alla leggenda, pagano in realtà prezzi molto alti per essere chi sono.

Approfondimento

BORG MCENROE: LA FINALE DI WIMBLEDON DEL 1980

Diretto da Janus Metz e sceneggiato da Ronnie Sandahl, Borg McEnroe racconta la storia della rivalità tra i tennisti Björn Borg e John McEnroe. Corre l'anno 1980 quando sta per cominciare Wimbledon, il torneo di tennis più prestigioso al mondo, e il titolo di miglior giocatore di tennis del mondo sembra essere già nelle mani dello svedese Borg per la quinta volta. Tuttavia, nonostante abbia solo 24 anni, Borg si sente esausto: soffre di ansia ed è consapevole di aver bruciato oramai tutte le tappe, avendo cominciato a giocare quando era poco più che un bambino. Lo statunitense John McEnroe, invece, ha appena vent'anni e tanto fuoco dentro: il suo sogno è quello di spodestare Borg e vincere Wimbledon. Nonostante ciò, sebbene sia più giovane, si sente sempre più come Borg, come se fosse intrappolato in una gabbia. In pubblico, il comportamento di McEnroe fa la differenza e i mass media accentuano lo scontro tra i due, ponendo l'accento sulla freddezza di Borg e sull'esuberanza del secondo. A poco a poco, i due tennisti si renderanno però conto che l'unica persona al mondo in grado di capire quanto ognuno stia vivendo è proprio colui che i giornali vogliono suo avversario.

Con la direzione della fotografia di Niels Thastum, le scenografie di Lina Nordqvist, i costumi di Kicki Ilander e le musiche di Vladislav Delay, Jon Ekstrand, Carl-Johan Sevedag e Jonas Struck, Borg McEnroe si concentra sull'indimenticabile match che Borg e McEnroe si ritroveranno a disputare durante la finale di Wimbledon. A descrivere meglio il progetto, scelto come titolo di apertura del Festival di Toronto 2017, sono le parole del regista Janus Metz: "Per me, Borg McEnroe è la versione tennistica di Toro scatenato di Martin Scorsese. Björn Borg e John McEnroe sono in lotta per essere i migliori nella loro disciplina. Entrambi sono giovani e desiderano dimostrare, prima di tutto a loro stessi e all'altro, di essere qualcuno da prendere seriamente in considerazione. I due giocheranno l'uno contro l'altro ma anche contro i propri demoni personali: entrambi condividono talvolta il lasciarsi andare agli eccessi, finendo occasionalmente per superare i propri limiti. Ciò ha di certo contribuito a renderli delle icone di successo, sebbene le loro personalità siano agli antipodi. In più, entrambi si riconoscono nell'altro: tutti e due giocano a tennis e ne fanno una questione di vitale importanza. Ecco perché Borg McEnroe non è solo un film di sfide ma anche la storia di come è nata un'amicizia tra due uomini solitari che, capendosi a vicenda, si avvicinano lentamente.

Per rappresentare al meglio i demoni interiori dei protagonisti ho scelto di girare spesso con la camera a mano e con la steadycam. Ciò mi ha permesso di avere immagini realistiche ed immediate, a cui vanno associate altre immagini quasi simboliche che, entrate nella leggenda, restituiscono l'atmosfera e il significato storico del periodo. Il film del resto racconta dello scontro tra due titani e per tale ragione necessita anche di una certa epica. Mi sono basato su eventi reali e sulla finale di Wimbledon del 1980 entrata nella storia. Chi ha vissuto quel periodo, io ero un bambino, ricorda come i tennisti fossero delle icone pop al pari delle rockstar. Nella mia famiglia, si aspettava la finale di Wimbledon con la stessa trepidazione della messa di Natale nella cattedrale di St. Paul. I ragazzini si pettinavano persino come i tennisti. Il tennis aveva un alone di sacralità da cui era difficile fuggire. Oggi, a distanza di anni, capisco meglio l'importanza emotiva della finale tra Borg e McEnroe, tra due uomini che rappresentavano la lotta tra due continenti, due atteggiamenti contraddittori e due modi di essere".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Borg McEnroe è il regista e sceneggiatore danese Janus Meltz. Classe 1974, Meltz si è laureato in Comunicazione alla Roskilde University prima di cominciare a lavorare come ricercatore per il mondo dei documentari e trasferirsi in Sudafrica. Nel continente nero ha cominciato a lavorare dietro le quinte... Vedi tutto

Commenti (7) vedi tutti

  • molto meglio andarsi a vedere direttamente quella finale dell'80, al di fuori del campo c'è poco o nulla da dire e il film lo dimostra, noioso.

    commento di giulmar
  • Il tennis è uno sport individuale con scontro (e non "incontro"!) diretto. Ci vuole "cattiveria", con sé stessi o con l'altro o col mondo. Il film rappresenta questo concetto egregiamente, a cominciare dalla regia: inquadrata sempre una sola parte di campo e soltanto nello "scontro" finale appare il tutto campo. Ottimo cast. Voto 7.5

    commento di nissaki66
  • Borg McEnroe è un film senza dubbio godibile e a tratti avvincente, anche se la presa di posizione a favore del tennista svedese e una certa superficialità, pur non compromettendo l'opera, ne limitano fortemente le potenzialità.

    leggi la recensione completa di Malpaso
  • Film deludente, sia sotto l'aspetto delle ricostruzione sportiva sia per una sceneggiatura debolissima che sconfina spesso nel patetico.

    leggi la recensione completa di siro17
  • Il tennis non è come il calcio o l'hockey: non conta solo vincere, ma anche come si vince. Non è uno sport per tutti i ceti sociali.

    leggi la recensione completa di champagne1
  • “Borg McEnroe” propone una sfida sportiva che si scioglie in un discorso più ampio, coinvolgendo in un attimo anche chi con il tennis non ha il benché minimo rapporto. Storicamente, il tennis con il cinema quaglia poco e anche questa volta il matrimonio presenta diversi limiti. Aspettiamo il momento dell’ultradecennale sfida tra Federer e Nadal.

    leggi la recensione completa di supadany
  • Il tennis usa il linguaggio della vita: vantaggio, servizio, errore, pausa, amore (o zero). Ogni partita è una vita in miniatura Andre Agassi

    leggi la recensione completa di gaiart
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

supadany di supadany
6 stelle

Non si può vincere per sempre, prima o dopo è inevitabile confrontarsi con la sconfitta. È una legge della natura. Può succedere quando sei vicino a un traguardo importante, oppure quando hai già scritto una pagina di storia – personale, sportiva, politica, civile – che nessuno ti può togliere (il record sì, il successo che fu, no),... leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

champagne1 di champagne1
7 stelle

Quando Borg è all'apice del successo e dipinto come un giocatore-macchina, ecco che appare all'orizzonte un giovane tennista americano capace tanto di insolenti intemperanze nei confronti del pubblico e del giudice di linea quanto di colpi sublimi ed estrosi. Tutti li aspettano all'edizione1980 Wimbledon, in un match che ancora oggi viene considerato una delle più belle partite... leggi tutto

6 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

alan smithee di alan smithee
4 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2017 - SELEZIONE UFFICIALE  Il senso della sfida, la differente dinamica che definisce e rende opposti, per carattere, indole ed atteggiamento, due contendenti al suo livello più elevato e spettacolare, ha reso immortali sfide sportive ormai divenute leggenda: specie quando, come nel tennis, la disciplina è individuale, e di conseguenza il... leggi tutto

4 recensioni negative

Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 37 voti
vedi tutti

Recensione

Blasia di Blasia
6 stelle

Le trame della fama. La fama e l'immortalità sono due termini tra loro legati, l'uno, la fama serve a raggiungere il secondo l'immortalità. Non parliamo certo dell'immortalità in senso reale, ma di quella che Kundera definiva la "grande immortalità", ossia l'essere ricordato dai posteri. In questo senso la vità di un individuo in lotta per la sua...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

Malpaso di Malpaso
7 stelle

Borg McEnroe avrebbe potuto essere un gran film su una rivalità sportiva, così come un profondo trattato umano sul sacrificio e i cambiamenti cui si è costretti a venire a patti in cambio del successo personale. Borg McEnroe avrebbe potuto essere il racconto della paura della sconfitta o dell'ebbrezza della vittoria, oppure l'epico scontro di due attitudini...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

siro17 di siro17
4 stelle

Qualcuno ha assimilato questo film a Rush, ma non c’è storia fra i due film. Se Rush era una schioppettata di adrenalina, Borg McEnroe è quasi inguardabile. Un film costruito sulla mitologica finale di Wimbledon del 1980 che racconta con banali flashback il percorso dei due sfidati. E lo fa con un copione superficiale, che strizza l’occhio a facili e patetiche...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

champagne1 di champagne1
7 stelle

Quando Borg è all'apice del successo e dipinto come un giocatore-macchina, ecco che appare all'orizzonte un giovane tennista americano capace tanto di insolenti intemperanze nei confronti del pubblico e del giudice di linea quanto di colpi sublimi ed estrosi. Tutti li aspettano all'edizione1980 Wimbledon, in un match che ancora oggi viene considerato una delle più belle partite...

leggi tutto

Recensione

supadany di supadany
6 stelle

Non si può vincere per sempre, prima o dopo è inevitabile confrontarsi con la sconfitta. È una legge della natura. Può succedere quando sei vicino a un traguardo importante, oppure quando hai già scritto una pagina di storia – personale, sportiva, politica, civile – che nessuno ti può togliere (il record sì, il successo che fu, no),...

leggi tutto

Recensione

barabbovich di barabbovich
7 stelle

Per capire quanto uno sport possa essere elitario basta prendere in considerazione tre parametri: che sia praticato singolarmente (la scherma) o in gruppo (il rugby), che abbia o meno una mediazione strumentale (la lotta greco-romana, per esempio, non ce l'ha) e che tenga o meno separati i corpi degli atleti (nel volley lo sono, nella pallacanestro no). Il tennis, al quale quarant'anni fa...

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

penelope68 di penelope68
7 stelle

Due personaggi che cambiarono il tennis e lo elevarono a sport di massa  e che fecero epoca , e dunque non facile da raccontare  . Altra epoca, altri stili, altra mentalità .Qui già dai titoli di coda si intuisce che l' occhio punterà sullo svedese e sulla sua personalità contraddittoria : debordante nella infanzia, pacato e gelido nella gioventù ....

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

giurista81 di giurista81
7 stelle

Primo lungometraggio diretto dal danese Janus Metz (Pedersen), regista classe 1974 proveniente dal circuito televisivo (tra le varie cose ha diretto un episodio della fortunata serie True Detective, nel 2015) e specializzato nei documentari e nei cortometraggi.  Preme subito sottolineare come si tratti di una coproduzione che unisce la quasi totalità delle nazioni scandinave,...

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Uscito nelle sale italiane il 6 novembre 2017

Recensione

gaiart di gaiart
8 stelle

SILENCE IS SO PRECISE IL SILENZIO E’ COSI’ PRECISO   Il tennis usa il linguaggio della vita: vantaggio, servizio, errore, pausa, amore (o zero). Ogni partita è una vita in miniatura Andre Agassi     “Silence is so precise”   Partirei con questa citazione di Mark Rothko per descrivere i tre film di oggi, e poi aggiungerei: “per...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

nickoftime di nickoftime
stelle

Le finali di Wimbledon sono tutte importanti, ma quella giocata da Bjorn Borg e John McEnroe nel 1980 assunse fin da subito un significato particolare non solo perchè metteva di fronte nel palcoscenico più importante due stili di gioco agli antipodi, con lo svedese padrone della linea di fondo e l'americano artista dei colpi giocati sottorete, ma soprattutto in ragione di...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

nickoftime di nickoftime
stelle

Le finali di Wimbledon sono tutte importanti, ma quella giocata da Bjorn Borg e John McEnroe nel 1980 assunse fin da subito un significato particolare non solo perchè metteva di fronte nel palcoscenico più importante due stili di gioco agli antipodi, con lo svedese padrone della linea di fondo e l'americano artista dei colpi giocati sottorete, ma soprattutto in ragione di...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
4 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2017 - SELEZIONE UFFICIALE  Il senso della sfida, la differente dinamica che definisce e rende opposti, per carattere, indole ed atteggiamento, due contendenti al suo livello più elevato e spettacolare, ha reso immortali sfide sportive ormai divenute leggenda: specie quando, come nel tennis, la disciplina è individuale, e di conseguenza il...

leggi tutto
locandina
Foto
Il meglio del 2016
2016
Il meglio del 2015
2015
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito