Trama

Elisabeth Vogel, nota attrice, un giorno incomincia a rifiutarsi di parlare, chiudendosi in un ostinato mutismo. Le viene affiancata un'infermiera che incomincia a raccontarle la sua vita privata. Le confessioni della donna si fanno via via più intime. Ma l'attrice in una lettera svela i segreti dell'infermiera. Uno dei tanti, splendidi ritratti sull'orlo di una crisi di nervi di due donne e delle loro nevrosi. Quasi sul filo della maniera, ma con un'intensità non comune. Celebre la scena dei profili delle due donne che compongopno un unico volto, l'inizio con la pellicola che fisicamente prende fuoco, la parola finale della protagonista.

Commenti (9) vedi tutti

  • Due donne vuotano l'una all'altra il loro sacco pieno di sofferenza.

    leggi la recensione completa di Baliverna
  • Persona è un film molto complesso, cercare di capirlo e spiegarlo tutto è impossibile. Credo che più di qualche studente ne abbia fatto oggetto della propria tesi, cercando invano di analizzarlo, perché era nell’ intento del regista tracciare tante strade e non percorrerle fino in fondo. Quali eventi sono reali? qQuali immaginati e quali sognati?..

    leggi la recensione completa di marco bi
  • Effettivamente il Film sembra interessante pero' dovro' rivederlo molto ma molto piu' attentamente perche' in molte parti e' lento e macchinoso ma sicuramente non e' questa una novita' nelle Pellicole di Bergman.voto.5.

    commento di chribio1
  • Sbalorditivo fin dalle prime immagini un film emblematico e di enorme fascino

    commento di howard76
  • Un film bellissimo, che mi ha fato venire voglia di indagare su tutta la filmografia di Bergman. Ricco, complesso, stimolante e anche emozionante (almeno per me), mi ha letteralmente icollato allo schermo!

    commento di tonny
  • Un film bellissimo, che mi ha fato venire voglia di indagare su tutta la filmografia di Bergman. Ricco, complesso, stimolante e anche emozionante (almeno per me), mi ha letteralmente icollato allo schermo!

    commento di tonny
  • Uno dei film più belli del maestro Bergman e anche uno dei film più belli della storia del cinema… CAPOLAVORO

    commento di mise en scene 88
  • 8,5

    commento di incallito
  • Un profondo viaggio dentro il Sentimento e la Psiche umana ritratto in una magnifica fotografia e in un eccezionale regia. basterebbe anche solamente guardarlo senza audio per lasciarsi colpire dalla sua potenza estetica. un film bellissimo.

    commento di diego
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

FABIO1971 di FABIO1971
10 stelle

"La sola cosa che non si può negare al mio film è che doveva essere un film". [Ingmar Bergman sull'evidenza della finzione cinematografica in Persona] Elisabeth Vogler (Liv Ullmann) è un'attrice depressa che si è chiusa in un completo mutismo. Alma (Bibi Andersson) è la loquace infermiera che si prende cura di lei per risollevarla dall'apatia. Nelle oniriche... leggi tutto

32 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

OGM di OGM
6 stelle

Un film che nella forma ha la nitidezza, la perfezione e la tagliente freddezza di un'immagine riflessa. L'effetto visivo è assolutamente adeguato alla simmetria prodotta dalla compenetrazione tra le due personalità femminili ritratte. C'è però il sospetto che questa operazione si esaurisca in una sperimentazione sul piano puramente estetico, ed abbia, appunto, la stessa inconsistenza... leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

nicolapalumbo di nicolapalumbo
2 stelle

Dal blog  http://250films.splinder.com/ Ecco, ho pensato seriamente di smettere. Di interrompere la sfida arrivato a circa un quinto del cammino. Un uno-due così, con questi ultimi due film che ho dovuto vedere un giorno dopo l'altro, ammazzerebbe chiunque (tra l'altro: tre film nella settimana tutti del 1966 e il migliore è sicuramente "La Battaglia di Algeri). Me lo... leggi tutto

4 recensioni negative

Recensione

Baliverna di Baliverna
8 stelle

*** CONTIENE ANTICIPAZIONI *** Bergamn si addentra nell'analisi della psicologia e interiorità di due donne, anche perché lo studio dei caratteri femminili è sempre stato tra le caratteristiche principali delle sue pellicole. In ogni caso è un film difficile da capire fino in fondo, specialmente nella seconda metà. Nella prima metà, infatti, vediamo...

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Il meglio del 2016
2016

Recensione

ethan di ethan
10 stelle

Una pellicola, un proiettore, fotogrammi da film d'animazione o da comiche del muto, un bosco, una ringhiera, della neve, chiodi piantati nelle mani (di Cristo?), dettagli di volti e parti di corpi di defunti e un ragazzo (Jörgen Lindström),disteso con una coperta troppo corta, guarda in macchina, mimando di toccare lo schermo e poi in controcampo, vediamo lui che osserva il volto di...

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015

Recensione

logos di logos
9 stelle

Forse l’opera più sperimentale del regista, che si muove su più livelli, a seconda delle prospettive in cui viene collocato lo spettatore. Esordisce nel prologo con fotogrammi onirici, quasi come archetipi di un inconscio junghiano: la crocifissione delle mani, lo sgozzamento dell’agnello, la morte che rincorre pazienti in un ospedale, l’organo genitale...

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014

Quando l'uomo si avvicina a Dio #2

Pietro1729 di Pietro1729

Saranno 10 playlist composte da 10 film per un totale di 100 film. 100 pellicole che sono riuscite ad rendere più sottile quella linea di separazione che è stata imposta tra Dio e l'uomo. Una serie di...

leggi tutto
Playlist

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
9 stelle

Il cinema è sdoppiare e sdoppiarsi, specchiare e specchiarsi, ed è l'atto con maggiori conseguenze, incarnato in un rapporto umano. Confronto fra due oggetti, confronto fra due soggetti, confronto fra soggetto e oggetto, con il tessuto invisibile che li lega e li stritola, senza alcuna possibile fusione o senza alcun reale incontro. Dietro un rapporto un labirinto. Persona è un film sulla...

leggi tutto
Il meglio del 2013
2013

Sequenze di cinema visionario

steno79 di steno79

In italiano il termine “visionario” indica le persone che hanno visioni soprannaturali o allucinazioni visive, e in passato veniva spesso associato, talvolta anche in senso negativo, ai mistici religiosi e agli...

leggi tutto

Recensione

Badu D Shinya Lynch di Badu D Shinya Lynch
10 stelle

Essere o sembrare di essere, questo è il dilemma. Persona è lo scambio d'identità tra il cinema e lo spettatore, tra la finzione e la realtà. La maschera fa parte del volto, non potrebbe esistere senza di esso, ed entrambi sono componenti dello stesso corpo, dello stesso spirito e dello stesso vuoto. La maschera è una copertura essenziale, quasi mistica, per allontanarci dal male...

leggi tutto
Disponibile dal 23 gennaio 2013 in Dvd a 6,99€
Acquista
Il meglio del 2012
2012

"The Great Gig In The Sky"

VeniceKrystel di VeniceKrystel

“ Perché ricordiamo il passato ma non il futuro ? ”­ … Connessioni viventi, esigenze decisive inattingibili all’interno di realtà assolute, il “vero” stato di cose. (S)Oggetti fisici dipendenti dalla...

leggi tutto

Recensione

marco bi di marco bi
8 stelle

Quando nel 1966 Bergman realizzò il film “Persona”, proveniva da un periodo di difficoltà fisiche e mentali e forse cercò un aiuto in questo lavoro per ritrovare l’equilibrio perduto. All’inizio del film, mostrandoci spezzoni di pellicola che non avranno niente a che fare con la storia, Bergman ci ricorda che stiamo per assistere ad un’ opera...

leggi tutto
Recensione
Utile per 18 utenti
Il meglio del 2011
2011

Recensione

Viola96 di Viola96
10 stelle

Ritratti femminili sensibili e delicati,in un tratto leggiadro e contraddistinto,con una matrice puramente generosa,perfida eppure buona. Persona è un Bergman assoluto,un monumento della libertà di pensiero dell'autore,in una giostra eterna di amore e morte,follia,eroicità e mediocrità umana. Bisognerebbe considerare Persona per quello che è:Un dramma esistenziale,profondamente...

leggi tutto
Il meglio del 2010
2010

Recensione

FABIO1971 di FABIO1971
10 stelle

"La sola cosa che non si può negare al mio film è che doveva essere un film". [Ingmar Bergman sull'evidenza della finzione cinematografica in Persona] Elisabeth Vogler (Liv Ullmann) è un'attrice depressa che si è chiusa in un completo mutismo. Alma (Bibi Andersson) è la loquace infermiera che si prende cura di lei per risollevarla dall'apatia. Nelle oniriche...

leggi tutto
Il meglio del 2009
2009

Recensione

AIDES di AIDES
10 stelle

Rifugio dell'illusione e disperazione del distacco formano l'identità dell'uomo contemporaneo, un'identità inevitabilmente, drammaticamente segnata da dissociazione insanabile. La maschera (a cui allude il titolo) è una perfetta figura del doppio, il doppio è metaforicamente all'origine delle nevrosi che dilaniano questo film in bianco e nero chirurgico, pessimista,...

leggi tutto
Il meglio del 2008
2008

Recensione

steno79 di steno79
10 stelle

VOTO 10/10  Persona è una delle opere più sperimentali nello stile, più coraggiose e astratte di Bergman, aperta a diverse interpretazioni, a tratti più simile a un sogno che a una narrazione vera e propria: probabilmente deve essere stata una fonte di ispirazione per David Lynch in certi suoi film come Mulholland Drive. Un'opera azzardata, dunque,...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Il meglio del 2007
2007
Il meglio del 2006
2006

Recensione

Aquilant di Aquilant
10 stelle

“DIETRO LA MASCHERA IL VUOTO.” Questa potrebbe essere in breve la sintesi del film qualora si volesse evitare uno stillicidio di parole in grado di non aggiungere più nulla a quanto già scritto in precedenza a proposito del vertice assoluto della cinematografia bergmaniana. “Persona”, ovvero “maschera”, dal latino “dramatis...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Il meglio del 2005
2005

Recensione

emmepi8 di emmepi8
8 stelle

La storicizzazione del momento è basilare e gli innati pricipi femministi si fanno sentire insieme al vicino '68. Una sceneggiatura dello stesso regista, che si affida alle sue attrici in maniera fisica ed insostituibile. un'esperienza pazzesca per le due intepreti che si denudano, in maniera sconcertante. La critica all'attrice è indubbia, la vita vissuta rimane schiacciata da quella...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2004
2004

varie

seilor di seilor

non so se questi sono in assoluto i miei fim preferiti...ma li ho amati molto...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2003
2003

Recensione

ed wood di ed wood
10 stelle

una vetta del cinema bergmaniano. Il film piu' sperimentale e uno dei piu' intensi del grande maestro svedese. Un feroce scandaglio psicologico di due donne diverse (l'artista velleitaria, che vuole isolarsi dalle vanita' e dagli affani della vita reale, ma che ha paura della morte; e la donna prosaica, felice di vivere e di amare, ma inconsapevolmente ipocrita e depressa) eppure speculari,...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

cinema europeo degli anni '60

steno79 di steno79

ho scelto sette film europei degli anni '60 perchè credo che in quel decennio la cinematografia del vecchio continente abbia toccato uno dei vertici della sua storia, e non solo per merito delle nouvelles vagues

leggi tutto
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito